Vi ricordate il bambino che fumava 40 sigarette al giorno? Ecco come è diventato

By
Updated: maggio 15, 2017

Ardi Rizal ha appena 10 anni, ma è riuscito a sconfiggere due delle dipendenze più pericolosi per la salute umana: quella del fumo e quella del cibo. Oggi lo ritroviamo così.

Il nome Ardi Rizal quasi certamente non vi dirà molto. Eppure il bambino indonesiano è diventato molto famoso anni fa per la dipendenza dal fumo sviluppata all’età di soli 2 anni, quando arrivava a fumare già 40 sigarette al giorno. La sua storia, veicolata soprattutto dalle immagini che sono circolate sui social network, ha generato polemica e indignazione in tutto il mondo, tanto che al governo indonesiano era stato chiesto di prendere una dura posizione contro il fumo infantile.

Al di là di ogni possibile aiuto offerto al piccolo Ardi, la madre Diane aveva raccontato che una delle cose più complicate era riuscire a gestire i “fan” di suo figlio: molti infatti in strada lo riconoscevano e  gli offrivano sigarette anche solo per vederlo fumare e magari scattare una foto con lui. La donna si era detta convinta che il fumo avrebbe ucciso il suo bambino e così ha iniziato a fargli fare terapia. Durante il suo trattamento riabilitativo, Ardi ha visto diversi psichiatri che hanno incoraggiato la madre a tenerlo occupato in ogni modo e sensibilizzarlo sui pericoli del fumo. “Piano piano ha cominciato a capire che fumare faceva male. ‘Io amo Kak Seto [uno dei suoi psichiatri]’ diceva a chi gli offriva le sigarette” spiega la genitrice.
E così a 6 anni Ardi è riuscito ad abbandonare le sigarette, ma ha cominciato ad aver voglia di  qualcosa di diverso: il cibo. Il bambino ha così acquisito una nuova dipendenza ed è ingrassato di parecchi chili. Era pericolosamente in sovrappeso e così i genitori sono tornati in suo aiuto. Hanno assunto un nutrizionista e Ardi ha imparato a seguire una dieta equilibrata. Oggi, ha 10 anni ed assicura di stare molto meglio. Ardi è diventato una fonte d’ispirazione per tutti coloro che vogliono sconfiggere le loro dipendenze dalle cattive abitudini.

 

© Riproduzione Riservata

You must be logged in to post a comment Login

I cookie ci aiutano ad offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Utilizzando il nostro sito accetti i cookie. Privacy Policy | Ok