Le pagelle di Roma-Qarabag: qualificazione formato Perotti. Strootman versione ‘lavatrice’. Dzeko divoratore di gol

By
Updated: dicembre 5, 2017

(A. Papi) – Ecco le pagelle del match di Champions League tra Roma e Qarabag giocato questa sera allo stadio Olimpico:

ROMA

Alisson 6.5 – Ennesima serata da guanti bianchi, eccezion fatta per un colpo di testa insidiosissimo che blocca senza problemi nel finale. Con i piedi sempre disinvolto.

Florenzi 6.5 – Quantità e qualità, non fa mancare l’apporto in fase di spinta anche se dovrebbe calibrare al momento del cross. Unico brivido quando si lascia scartare con troppa facilità dall’onestissimo Guerrier nell’apprensivo finale.

Manolas 6 – Riesce a innervosire l’Olimpico cantante con qualche errore e brivido in fase di rilancio. Non è un regista difensivo e lo conferma con troppi palloni gettati nel nulla. Peccato perché in fase di marcatura è sempre inappuntabile.

Fazio 7 – Serafico. Non perde mai la calma, insuperabile quando si alza il pallone e preciso nella gestione palla al piede. Ndlovu non può rappresentare un problema per uno che ha calcato palcoscenici internazionali di ben altro rango. Solito baluardo su cui aggrapparsi nel momento del bisogno.

Kolarov 6.5 – La condizione fisica è evidentemente non al top, per una sera limita i suoi affondi nonostante resti uno scoglio ingombrante per le ali azere. Quando spinge il piede sull’acceleratore è sistematicamente devastante, sfiorando il gol con una travolgente azione delle sue. Peccato alzi poco il ritmo perché Medvedev dalla sua parte non è un avversario insuperabile.

De Rossi 6 – Applaudito e incoraggiato dalla Curva dopo il ‘rosso’ di Genova dona la sua esperienza e sagacia tattica in una partita chiusa e da nervi saldi. Il problema è atavico: niente di personale, ma in quel ruolo servirebbe un vero regista per innescare al meglio il gioco di Di Francesco.

Nainggolan 6 – Cartina torna-sole della sua serata è la ripartenza finale generosa ma priva di ritmo, facendosi rimontare da Guerrier e dall’acido lattico. Meno brillante nel vivo del gioco, tende a nascondersi nel giro palla emergendo di rado con dei guizzi sempre da fuoriclasse assoluto (vedi la giocata del possibile 2-0).

Strootman 7.5 – Bentornato Kevin! I buoni indizi accumulati contro la Spal lasciano spazio alle conferme di questa sera. Nettamente il migliore in mediana, bravo a contrastare e perfetto in inserimento. Qualità e quantità come i vecchi tempi: la ‘lavatrice’ è tornata.

El Shaarawy 6.5 – Regala meno qualità e più senso tattico e corsa sulla fascia destra. Si presenta diverse volte in area di rigore ma manca la zampata vincente che avrebbe nuovamente magica la sua notte di Champions. Peccato per una bella girata al volo di sinistro che avrebbe meritato miglior fortuna. Dal 72′ Gerson 6 – Ingresso morbido e qualche lampo nel finale, suo l’assist per Dzeko che cestina l’ultima occasione del match.

Dzeko 5 – La Roma porta a casa i tre punti nonostante la serata orribile del suo bomber. L’impegno c’è, la precisione e la cattiveria decisamente meno. Altre 15 occasioni create e un solo gol all’attivo, testimonianza di una sterilità figlia anche del suo scarso momento di forma. Urge riposo e cambi adeguati, per farlo ripresentare al top in vista della sfida con la Juventus.

Perotti 7.5 – In una partita chiusa e spigolosa come quella di oggi diventa fondamentale la sua qualità palla al piede, la capacità nel dribbling e nell’uno contro uno. E’ la sua Champions, dal gol che valse la qualificazione ai gironi contro il Genoa fino alla rete della vittoria sul Qarabag, passando per la gemma anti-Chelsea. Se si mette a segnare come un centravanti per la Roma è tanto di guadagnato. Dal 81′ Pellegrini s.v. – Da il suo contributo in copertura.

All. Di Francesco – Obiettivo massimo raggiunto, basta questo per dargli i meriti di una qualificazione storica. Nessuno gli avrebbe dato un euro per il passaggio del turno, figurarsi da primi del girone. Qualche piccolo appunto sulle sostituzioni nel finale di partita: Perotti e El Shaarawy, tra i più brillanti nelle fila giallorosse, poteva dare un contributo in ripartenza, mentre Dzeko appannato resta in campo. E Schick attende voglioso in panchina.

____________________________________________________________________

QARABAG

Sehic 8; Medvedev 5, Rzezniczak 5.5, Yunuszade 6.5, Guerrier 5; Qarayev 5.5, Michel 5.5, Almeida 4.5; Ismaiylov 5.5 (Quintana s.v.), Madatov 6 (Ramazanov s.v.), Ndlovu 5.5 (Sheydaev s.v.). All. Gurbanov 6

© Riproduzione Riservata

You must be logged in to post a comment Login

I cookie ci aiutano ad offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Utilizzando il nostro sito accetti i cookie. Privacy Policy | Ok